a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Le esportazioni calano in Sri Lanka

Le condizioni climatiche avverse, la scarsa applicazione di fertilizzanti ed un divieto governativo sui pesticidi stanno scatenando il caos nella produzione del tè nello Sri Lanka. Lo scorso anno, la produzione del tè ha raggiunto un minimo storico, scendendo dell’ 11,1% per il terzo anno consecutivo, secondo un recente rapporto. E la cattiva notizia continua: l’esportazione del tè è sceso del 15,3% lo scorso gennaio.

Principalmente è il maltempo; in aggiunta a ciò, altri fattori come (la cattiva applicazione di) fertilizzanti e (il divieto del governo sui) pesticidi hanno anche influenzato negativamente la situazione“, ha detto il Direttore generale S.A. Siriwardena dello Sri Lanka Tea Board.

Quest’anno ricorre il 150 ° anniversario dell’ industria del tè dello Sri Lanka. Il tè è la principale merce di esportazione agricola del paese. Tuttavia, le esportazioni di tè sono diminuite, i proventi dell’ esportazione sono scesi del 5,3%: 1.26 miliardi di dollari nel 2016 contro i  1.33 miliardi nel 2015. Il paese ha registrato i guadagni più alti nel 2014 con 1.63 miliardi di dollari.

Lo Sri Lanka è il quarto produttore più grande al mondo di tè. Esporta principalmente in  Russia, Iran, Iraq e  Turchia ed anche negli Emirati Arabi Uniti, Libia, Siria e Kuwait.

 

Articolo di : Sam Molineaux per Economy Next, 20 febbraio 2017

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.