a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Mappata la sequenza del genoma della pianta del Tè

Maggio 2017

La bevanda più popolare del mondo (dopo l’acqua) è minacciata. Sappiamo già molto circa la minaccia del cambiamento climatico su colture principali come il grano, il granturco, il caffè ed il riso, ma la consapevolezza dell’impatto che potrebbe avere sulla pianta del tè si sta risvegliando solo ora. La ricerca ai suoi primi stadi indica che il rendimento del tè potrebbe diminuire fino al 55% grazie alla siccità od al caldo eccessivo diminuendone anche la qualità.

L’uso intensivo di pesticidi e fertilizzanti chimici nelle piantagioni di tè ha portato anche al degrado del suolo ad un tasso medio annuo del 2,8%. Pesticidi e fertilizzanti si riversano poi nelle falde di acqua potabile, causando gravi problemi per la salute umana e per l’ambiente.

Tuttavia una speranza c’è, ora che gli scienziati dell’Istituto Kunming di Botanica e dell’Accademia Cinese delle Scienze hanno sequenziato l’intero genoma del tè. La mappatura della sequenza esatta del DNA fornisce le basi per estrarre tutte le informazioni genetiche necessarie per aiutare la razza ed accelerare lo sviluppo di nuove varietà della pianta di tè. E potrebbe anche aiutare a migliorare il sapore e il valore nutrizionale della bevanda.

L’intera sequenza del genoma del tè rivela la base genetica di tolleranza del tè alle sollecitazioni ambientali, la resistenza alle malattie ed ai parassiti, il sapore, la produttività e la qualità. I coltivatori potrebbero  produrre migliori varietà di tè con rendimenti superiori che utilizzino l’ acqua e le sostanze nutritive in modo più efficiente. Potrebbero aumentare la diversità genetica delle piante di tè, migliorandone la salute generale.

Questa è una pietra miliare per gli scienziati perché fornisce una comprensione più approfondita della complessa evoluzione dei geni chiave e delle loro funzioni nella tolleranza allo stress, nella creazione del sapore del tè e nell’adattamento della pianta all’ambiente.

Il nuovo genoma del tè è molto lungo, con quasi 37.000 geni – più di quattro volte la dimensione del genoma della pianta del caffè. Il processo di evoluzione mediante la selezione naturale ha già aiutato la pianta del tè a sviluppare centinaia di geni relativi alla resistenza agli stress ambientali alla siccità ed alle malattie.

Questi geni sono come marcatori molecolari che gli scienziati possono identificare quando si selezionano piante da utilizzare per la coltivazione.

La sequenza del genoma aumenta anche la possibilità di utilizzare tecnologie di modificazione genetica (GM) per attivare o migliorare i geni desiderati (o disattivare quelli indesiderati).

Gli stessi principi potrebbero anche essere usati per migliorare il valore nutrizionale o medico di alcune varietà di tè. La sequenza del genoma comprende i geni associati alla biosintesi. Questa è la produzione delle proteine ​​e degli enzimi coinvolti nella creazione di composti che rendono il tè così bevibile, come i flavonoidi, i terpeni e la caffeina. Questi sono strettamente legati all’aroma, al sapore e alla qualità del tè e quindi l’uso di tecniche di modificazione genetica potrebbe contribuire a migliorare il gusto del tè e renderlo più saporito o nutrizionale.

Ad esempio, potremmo anche rimuovere i geni biosintetici della caffeina dalla pianta del tè per aiutare la coltivazione di varietà a basso contenuto od addirittura completamente  senza caffeina. Aumentando alcuni composti allo stesso tempo, potremmo rendere più sano il tè e sviluppare sapori completamente nuovi per rendere il tè senza caffeina più attraente.

 

Circa 5.56 milioni di tonnellate di tè sono commercialmente coltivate su più di 3,8 milioni di ettari di terreno (dati del 2014). E la sua enorme importanza culturale, così come il suo valore economico, significa garantire un futuro sostenibile per il tè è di vitale importanza per milioni di persone. Quindi la prima sequenza di successo del genoma del tè è un passo fondamentale per rendere le piante da tè più robuste, produttive a fronte di enormi sfide ambientali.

Fonte: The Conversation, Autore: Chungui Lu, Professore di agricoltura sostenibile presso la Nottingham Trent University

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento