a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Le arti marziali e il tè

Il tè come stile di vita, come tradizione millenaria basata sulla costante ricerca della qualità, ha sempre avuto un grande valore simbolico nella storia delle arti marziali orientali, nelle sue tradizioni e ha tuttora un ruolo importante nella quotidianità di milioni di praticanti.

Da sempre in oriente ,e in tutte le scuole di arti marziali cinesi e giapponesi  sparse nel mondo, il tè è presente.  Tradizionalmente rappresenta la bevanda per eccellenza del vero praticante di una arte marziale ed ha una dimensione non solo fisica ma anche mentale/spirituale. In questo contesto il tè è considerato la bevanda ristoratrice per eccellenza. Antichi e moderni artisti marziali lo hanno da sempre riconosciuto e valorizzato per le sue notevoli proprietà benefiche. Calma lo spirito quando serve  e dà sempre forza e sostegno.

Ma il tè, nel mondo delle arti marziali orientali, è importante anche perché è sempre stato usato come un esempio per esprimere e spiegare molti concetti filosofici legati alla disciplina e anche come modello di paragone per distinguere e confrontare la qualità di un metodo o di un risultato marziale.

Un esempio classico, riproposto in chiave moderna anche in un famoso film sulle arti marziali, ‘Fearless’ in cui si mettono in relazione  le arti marziali ed il tè nelle sue differenti qualità. Durante un incontro tra due grandi maestri di arti marziali essi discutono delle differenze tra i loro diversi stili di arti marziali davanti ad una tazza di ottimo tè.

Il primo maestro sostiene che le arti marziali sono distinte in differenti stili così come vi sono differenti tipi di tè. Di conseguenza se si classificano i differenti tipi di tè per qualità e importanza così andrebbe fatto per i differenti stili di arti marziali.

Il secondo maestro sostiene che il tè è sempre tè e di per se è perfetto. Sono le persone che lo servono in differenti modi e qualità, secondo la loro competenza e conoscenza. Così allo stesso modo tutte le arti marziali sono valide ma sono le persone che le praticano che le esprimono secondo la loro competenza e abilità.

Un estratto del colloquio sul Tè dal film  ‘Fearless’

Autore: Ninni Corrao, Agente Redattore di MondoThè, grande consumatore di                    Tè e Maestro di Kung Fu Shaolin e Tai chi presso la scuola Tao-Shu  (Pa)

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento