a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Il destino del Tè dopo il Coronavirus

L’epidemia di coronavirus (Covid-19), che ha avuto origine nella città di Wuhan, in Cina e si sta rapidamente diffondendo, sta causando il caos logistico prima del raccolto di tè più prezioso del mondo.

“La Cina si sta riprendendo dallo scoppio della nuova polmonite causata dal coronavirus”, secondo Cai Jun, segretario generale del tè con la Camera di commercio cinese di importazione ed esportazione di prodotti alimentari, prodotti nativi e sottoprodotti di origine animale (CFNA). CFNA è un’associazione commerciale influente che opera sotto la supervisione del Ministero del Commercio cinese.

La provincia di Hubei, un’importante regione di produzione, rimane chiusa con 2.563 morti e 64.789 casi confermati di coronavirus. A livello globale la malattia ha ucciso 2.705 con 80.350 casi confermati e 27.878 guariti.

I produttori di tè Enshi sono il punto più vicino, a circa 500 chilometri a ovest di Wuhan. La fioritura (first flash) inizia generalmente il 15 marzo sul monte Wufeng. Enshi è una regione del tè verde, una delle poche specializzata in tè verdi al vapore. Il servizio di treni e autobus è stato sospeso a gennaio, tutti i 70.000 cinema della provincia sono stati chiusi e le riunioni pubbliche sono state vietate. Sono attivi solo negozi di alimentari, distributori di benzina, farmacie e ospedali.

Le battute d’arresto non sono dovute a malattia o alla morte dei lavoratori dell’orto; è il risultato di uno sforzo nazionale per limitare i viaggi, chiudere le fabbriche, vietare le riunioni pubbliche e chiudere autobus, treni, aerei e metropolitane per impedire la diffusione del virus.

Il CFNA è stato costretto a rinviare tre conferenze sul tè previste per marzo e diverse fiere del tè, tra cui l’edizione di primavera della Fiera mondiale del tè, sono in fase di riprogrammazione.

“Per quanto ne so, i cinesi sono tutti sani e salvi, il che indica che bere il tè aiuta a rafforzare l’immunità”, ha scritto Cai.

L’industria del tè cinese lo ha visto arrivare, secondo il rivenditore di tè Austin Hodge, fondatore di Seven Cups Fine Chinese Tea a Tucson, in Arizona. Hodge, che importa il tè direttamente dalla Cina, ha ricordato l’epidemia di SARS nel 2003. I cinesi hanno imparato preziose lezioni da quell’epidemia , che ha ucciso 774 a livello globale. “Nessun tè andrà sprecato. Non stanno pizzicando se non sono in grado di elaborare “, ha spiegato Hodge, che ha elogiato i cinesi per” aver apportato tutte le modifiche necessarie “.

“Nel paese del tè rurale, il vero problema non è il virus; è il blocco e la logistica. Tutti sono locali. Non devono viaggiare da nessuna parte “, ha detto. Hodge prevede che il suo primo tè dell’anno arriverà nei tempi previsti tra una o due settimane.

LUNGA VITA AL TÈ

Le procedure presso la più grande fabbrica di tè in Cina ad Erhai sono tipiche. L’impianto ha ripreso le operazioni il 13 febbraio quando 700 lavoratori sono stati sottoposti a screening per la febbre, completato e sottoscritto un impegno di salute personale promettendo di indossare maschere, disinfettarsi le mani e visitare periodicamente uno dei sei punti di test sanitari. Appena entrati in fabbrica, hanno scansionato il codice QR “Yunnan Epidemic Prevention” con i loro telefoni cellulari, attivando un telefono cellulare (mini app WeChat) che tiene traccia dei loro movimenti e avvisa i datori di lavoro se hanno incontrato qualcuno che ha avuto il virus.

A partire dall’11 febbraio, tutti i residenti nello Yunnan devono scansionare un codice QR per entrare e uscire da luoghi pubblici, inclusi complessi residenziali, mercati, centri commerciali, ospedali e centri di

trasporto pubblico. “Nessun nome, ID o altro contenuto viene memorizzato” e Yunnan promette di distruggere i dati di tracciamento una volta che il virus è contenuto.

Un responsabile della fabbrica ha stimato che la maggiore sicurezza ha ridotto la produttività del 10%.

Nei giardini del tè più a sud, dove la raccolta è appena iniziata, coloro che potano e raccolgono il tè sono tenuti a indossare maschere e non sono autorizzati a formare gruppi. Devono mantenere una distanza minima di 10 piedi durante il lavoro.

La China Tea Circulation Association riferisce che i raccolti di specialità sono iniziati il ​​10 febbraio a Gaoxian nel Sichuan e il 20 febbraio nel sud dello Zhejiang (Wenzhou e Lishui).

“Sotto la situazione epidemica, mentre svolgevano un buon lavoro di prevenzione e controllo, diverse aree e aziende produttrici di tè in tutto il paese hanno anche organizzato agricoltori di tè per avviare il primo lotto di raccolta di tè primaverile del 2020”, secondo l’associazione.

“Non stiamo ancora in piena stagione di raccolta, quindi il virus non ha avuto molto effetto sulla produzione di tè e sul commercio internazionale. Sebbene influisca sulle vendite, è complessivamente gestibile “, ha affermato Cai.

Impatto sulla vendita al dettaglio

“Quando la maggior parte dei mercati del tè non sono aperti, le aziende sono incoraggiate a vendere online e microimprese”, consiglia l’Ufficio per l’agricoltura e le aree rurali del distretto di Yuzhou, come riportato sul Sichuan News Network. La produzione di Chuancha a Yuzhou è prevista a 1.800 tonnellate valutate per oltre 42,5 milioni di dollari (300 milioni di RMB). 38.540.160 €

  1. 000. 000 : 1.800.000 kg – circa 23,5 dollari kg — 21euro????

Più di 500 milioni di cinesi bevono ogni anno circa 1,9 milioni di tonnellate di tè, secondo la China Tea Marketing Association. Il mercato del tè domestico è valutato a $ 18 miliardi.

Durante la crisi, le vendite al dettaglio (compreso di cibo e altro ) complessive vengono ridotte di $ 144 miliardi a settimana, secondo il think tank cinese Evergrande (come riportato da Forbes).

L’impatto finora è più significativo nelle aree urbane congestionate. Ogni provincia, incluso il Tibet, ha riportato casi di Covid-19, ma alle regioni del tè è stato risparmiato il peso iniziale dell’epidemia.

Ecco un esempio dell’impatto delle regioni cinesi produttrici di tè dal 25 febbraio: Henan, 1.271 casi, 19 morti; Guangdong 1.347 casi, 7 morti; Hainan 168 casi, 5 morti; Anhui 989 casi e 6 morti; Zhejiang ha riportato 1.205 casi con 1 decesso; Jiangxi 934 casi, 1 decesso, Fujian ha riportato 294 casi con 1 decesso, il Guangxi ha 252 casi con 2 decessi, lo Yunnan ha riportato 174 casi con 2 decessi. (Credito immagine: Johns Hopkins University)

Johns Hopkins sta monitorando i casi a livello globale.

“In generale, la diffusione di Covid-19 nelle aree di coltivazione del tè è lenta e le infezioni nei quartieri e nei focolai locali sono relativamente rare. I casi Covid-19 in altri luoghi come Enshi e Shennongjia sono ancora attribuiti a casi importati e il rischio di diffusione è relativamente basso “, secondo l’epidemiologo Dr. Liang Wannian, capo sanitario di Pechino. Le sue risposte alle domande dei giornalisti sono state pubblicate dall’Ufficio del Consiglio d’informazione dello Stato di Pechino

Quanto potrebbe andare male? MERCATO DEI FIORI

Oltre al tè e al caffè, lo Yunnan è una delle regioni di coltivazione più importanti per i fiori recisi. I fiori freschi dello Yunnan vengono esportati in 46 paesi e rappresentano il 70% del mercato nelle principali città cinesi. Come il tè, la raccolta dei fiori è sensibile al tempo e San Valentino ha rappresentato un’opportunità commerciale significativa ma fugace.

I tempi del blocco del coronavirus di quest’anno non avrebbero potuto essere peggiori, con conseguenti gravi perdite a causa di una rottura critica della catena di approvvigionamento a causa della sospensione di camion, treni e voli.

L’entità del problema è diventata evidente all’inizio di febbraio al mercato dei fiori di Dounan a Kunming, il più grande mercato di fiori freschi in Asia. Durante il periodo dal 27 gennaio al 5 febbraio, il volume degli scambi sul mercato è crollato del 95% a $ 61.355 (RMB 4331.500). Le vendite sono state del 4,78% rispetto allo stesso periodo del 2019. Dounan ha venduto 6,53 miliardi di fiori recisi valutati a 5,4 miliardi di RMB l’anno scorso.

Ciò è stato aggravato dal fatto che 50 milioni di consumatori sono stati confinati nelle loro case nella regione di Wuhan e che gli uffici a livello nazionale sono stati chiusi fino a due settimane oltre la tradizionale vacanza di viaggio del festival di primavera. L’asta è stata chiusa per diversi giorni e riaperta il 10 febbraio.

I coltivatori guadagnano $ 64.000 (RMB450.000) per ettaro in media vendendo fiori per $ 0,20 (RMB 1,43) per fioritura. Un terzo delle entrate annuali dei fiori recisi dello Yunnan viene guadagnato a febbraio, secondo Wang Jihua, vicedirettore dell’Accademia provinciale di scienze agrarie dello Yunnan. Wang stima che la perdita dell’industria dei fiori dello Yunnan, compresi i settori di supporto come la logistica, durante il periodo speciale raggiungerà RMB3 a RMB 5 miliardi (da $ 425.000 a $ 715.000) “.

Le opzioni di trasporto sono state ridotte del 90% durante l’altezza del blocco e solo ora vengono ripristinate. I blocchi stradali hanno impedito a interi villaggi di accedere a grandi città.

Il tè deve affrontare una linea temporale meno critica ― l’elaborazione deve iniziare entro quattro ore dopo la raccolta delle foglie ― ma la logistica dei trasporti è la stessa.

Phil Orlando, Chief Equity Market Strategist e Head of Client Portfolio Management presso Federated Investors ha dichiarato a Bloomberg Newsweek che i mercati azionari mondiali non hanno indicato il vero impatto sul commercio. “Secondo la mia modesta opinione, sarà più grande di quanto la gente pensi”, ha detto. È “brutto” in questo momento, colpire gli utili societari del primo trimestre, ma sulla base dell’impatto economico dell’epidemia di SARS nel 2003, gli investitori condividono l’opinione che ci sarà “uno snapback” a metà anno, ha detto.

Le previsioni di Orlando si sono dimostrate accurate poiché i prezzi delle azioni sono diminuiti drasticamente questa settimana in Europa, Asia e Stati Uniti, riducendo le aspettative di una ripresa economica del secondo trimestre

Guardando avanti

Le ultime tre settimane di febbraio sono state le prime in cui il numero di pazienti guariti dalla malattia superava quelli che avevano contratto Covid-19. È troppo presto per dichiarare la fine della crisi, ma i progressi sono evidenti in Cina.

“L’epidemia è sotto un controllo efficace a causa delle misure di prevenzione e controllo del governo cinese”, ha detto Cai. Durante il blocco, “La maggior parte delle persone ha lavorato da casa tranne coloro che lavorano nei settori responsabili della fornitura di beni di prima necessità. Abbiamo piena fiducia e capacità di vincere questa lotta contro l’epidemia “, ha detto.

Cai ha affermato che le principali compagnie cinesi del tè “hanno mostrato dedizione alla lotta contro questo virus donando denaro e le forniture necessarie alle aree colpite”.

Le quattro regioni di coltivazione del tè in Cina

Ci vogliono 80 milioni di lavoratori rurali in Cina per produrre annualmente 2,56 milioni di tonnellate di tè verde principalmente su 3 milioni di ettari di terra. Il loro sforzo si traduce in metà della produzione annuale mondiale di tè di 5,2 milioni di tonnellate.

Le vendite interne in volume sono principalmente di tè verde, ma molte località, tra cui Quimen, Fuzhou, Wuyi e Fuding (nella provincia del Fujian) e Pu’er nella provincia dello Yunnan, sono specializzate nella produzione di oolong, bianco, gelsomino di alto valore, tè neri e post-fermentati.

Jiangnan

Il tè coltivato a sud del fiume Yangtze si estende su diverse province. Si chiama Jiangnan e comprende le province di Zhejiang, Jiangxi, parti dell’Anhui e Hunan. È la più grande regione produttrice di tè in volume. La provincia di Hubei è divisa con Wuhan a nord dello Yangtze e Enshi, a sud del fiume vicino ai Monti Wufeng. Wuhan si trova a 850 chilometri nell’entroterra di Shanghai, alla foce dello Yangtze.

Jiangbei

Il tè coltivato a nord dello Yangtze (Jiangbei) abbraccia Henan, Shandong e Anhui settentrionale. Jiangbei è la più piccola regione di coltivazione del tè in Cina.

Huanan

La Cina meridionale è conosciuta come la regione in crescita di Huanan. Questa regione di coltivazione del tè superiore abbraccia le coste del Fujian, del Guangxi e dell’isola di Hainan. Il Fujian è la più importante provincia produttrice di tè per valore.

Xinan

Il tè nella Cina sudoccidentale nella regione dello Xinan viene coltivato nelle province di Guizhou, Yunnan e Sichuan. I primi tè vengono raccolti a fine febbraio nelle porzioni semi-tropicali di questa zona al confine con Vietnam, Laos e Myanmar.

Fonte: worldteanews.com/ Traduzione: lavoro di traduzione a cura del nostro esperto Daniele Croce

Condividi:
Giudica quest'articolo
Autore
Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.