a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Fenomenale scavo svela l’antichità della tradizione del consumo del Tè

Resti vegetali rinvenuti nello scavo di Chang’an (Xi’an, la città in cui ha inizio la via della seta) e Ngari (Ali) nella parte occidentale del Tibet, in Cina, mostrano che il tè è stato coltivato 2100 anni fa per soddisfare le abitudini della dinastia Han occidentale , e che nel 200 d.C. circa venisse trasportato verso l’Asia centrale. Fino a questo scavo molti concordavano sul fatto che la tradizione del Tè fosse nata 700 anni dopo, nel 1400 circa d.C.

Il fatto che resti di tè siano stati scoperti in  entrambe le regioni Chang’an e Ngari suggerisce che un ramo della Via della Seta attraversasse l’altopiano tibetano, circa tra il secondo ed il terzo secolo dC.


Il Tè (Camellia sinensis L.) è una delle bevande analcoliche più popolari, consumato da più di due terzi della popolazione mondiale per il suo gusto rinfrescante, l’ aroma, le qualità leggermente stimolanti e medicinali.

L’ antichità del consumo del tè è avvolta nel mito cinese. Il primo testo di riferimento inequivocabile sul consumo di tè come bevanda può essere datato al 59 aC sotto alla dinastia Han occidentale.

Tuttavia, la sua diffusa popolarità nella Cina settentrionale e nelle regioni ad ovest, come presso gli uiguri è generalmente attribuita alla dinastia Tang (settima-ottavo secolo dC).

Dopo il testo Han la più antica testimonianza fisica inerente il  tè proviene dalla Cina del Nord nel periodo della Dinastia Song (960-1127 dC). È stato a lungo ipotizzato che tè, sete e porcellane fossero prodotti chiave esportati dalla antica capitale cinese, Chang’an, all’Asia centrale e al di là; trasportate dalle carovane seguendo diverse vie che costituiscono la rete comunemente indicata con il nome ‘via della seta’, in uso dal II secolo aC.

Tuttavia, non ci sono altre prove inerenti il trasporto del tè lungo la Via della Seta in Tibet, Asia centrale o in Asia meridionale fino alla dinastia Tang (618-907 dC) 6,7. L’altopiano tibetano in quel periodo era  strettamente legato all’ est della Cina centrale attraverso il commercio di tè e cavalli in cambio delle pellicce e piante medicinali tibetane. Anche se il commercio di miglio già collegava l’altopiano tibetano con la pianura Cinese più di 4000 anni prima del  presente, e la coltivazione di orzo e la pastorizia fosse estesa 3600 anni fa, l’emergere di modelli storici di commercio delle materie prime e le abitudini di bere il tè lungo la Via della seta e nel Plateau tibetano sono un fenomeno poco compreso, principalmente a causa della cattiva conservazione delle foglie delle piante, e la sfida di identificare tè anche usato rimane purtroppo nelle provette archeologiche.
Qui, vi presentiamo le prove da fitoliti calcio (cristalli di ossalato di calcio vegetali), biomarcatori chimici e la datazione al radiocarbonio da fasci di piante essiccate da due siti funerari: Han Yangling Mausoleum14 a Xi’an, Sha’anxi Provincia; e il Gurgyam cimitero nel distretto di Ngari, Tibet occidentale (Fig. 1a). Le grandi collezioni di riferimento moderni vengono utilizzati per confrontare i microfossili di questi antichi resti agli standard moderni del tè. Il nostro studio rivela che il tè era bevuto dagli imperatori della dinastia Han già 2100 anni fa ed era stato introdotto nel Tibet 1800 anni fa. Ciò indica che un ramo della via della seta passava attraverso il Tibet occidentale, in quel periodo storico.

Figura 1: Mappa e fotografie di tè antico trovato in Cina.

srep18955-f1

(A) I puntini rossi indicano la posizione del Mausoleo Han Yangling a Chang’an e Gurgyam, il Cimitero di Ngari, con linee arancioni che indicano i percorsi della Via della Seta. (B) Piano di Yangling Mausoleo Han e (c) l’esterno sepoltura fossa DK15; il materiale marrone in pit-DK15 costituisce il resto delle colture. (D) Campione DK15-1 preso dai resti di pianta trovati in fossa DK15. (E) confronto morfologica tra foglie delle piante da DK15-1 (e1, 2, 3) e moderni germogli del tè verde (E4, 5). (F) Campione XZ-1 presa dalla pianta al cimitero Gurgyam. Ia firgura1a è stata generata utilizzando DIVA-GIS 7.5 (http://www.diva-gis.org/) e Microsoft PowerPoint 2011. Le foto nella fig. 1c-F sono state prese da Houyuan Lu.

Fonte:  rapporti scientifici 6, Articolo numero: 18955 (2016)
doi: 10.1038 / srep18955

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.