a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Per denti bianchissimi: Tè verde, mele, noci, formaggio e cioccolato!

Cioccolato nero, tè verde, fragole, formaggio, noci e nocciole sono armi in più per avere denti bianchissimi. Soprattutto se mangiati al mattino presto, come prima cosa appena svegli, hanno il massimo effetto nell’eliminare la placca che si è formata sui denti durante la notte.

Parola di Harold Katz, esperto di odontoiatria americano che esercita a Beverly Hills. Il cioccolato nero, spiega Katz in un articolo online del quotidiano britannico Daily Mail, contiene teobromina, un alcaloide naturale che rinforza lo smalto e previene l’antiestetico cambiamento di colore dei denti. Lo stesso effetto non si ottiene con quello al latte, che anzi può provocare alitosi per il contenuto di zucchero e latte.

Via libera invece alle fragole da parte dell’odontoiatra americano: l’ acido malico, un enzima che contengono al loro interno, aiuta a ripulire i denti dalle chiazze provocate da vino rosso, caffè e altre sostanze. Mischiate al bicarbonato di sodio le fragole possono diventare secondo Katz un’ottimo sbiancante naturale, ma lo stesso effetto non si ottiene con i frutti rossi.

 

smile1Il tè verde, poi, è un’arma completa per l’igiene orale secondo l’esperto Usa: contiene i tannini, molecole generalmente non glicosilate, che impediscono che i batteri attecchiscano nella bocca e prevengono l’alitosi, ma anche i polifenoli,che combattono gli acidi della bocca e i batteri.

Bere te verde aiuta inoltre ad aumentare i livelli di fluoro nella bocca, riducendo l’erosione dello smalto. Poi c’è il formaggio, che aumenta il livello di ph della bocca rendendola meno acida e quindi impedendo anch’esso l’erosione dello smalto dei denti, e la frutta croccante e abrasiva come noci e nocciole (ma anche mele e pere), che fa una sorta di effetto «scrub» eliminando la placca dai denti.

Non solo, perché mela e pera, grazie anche all’alto contenuto di acqua, aumentano la produzione di saliva, fondamentale per ridurre i batteri nella bocca.

Fonte: Comunicaffè, 14 nov. 2016

 

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.