a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

La storia del Tè di Ceylon

Pochi sanno che la storia del Tè di Ceylon inizia, abbastanza stranamente, con il caffè. La coltivazione del caffè raggiunse il picco nel 1870 con più di 275.000 ettari di campi coltivati, rendendo lo Sri Lanka uno dei primi tre produttori di caffè nel mondo.

Gli olandese introdussero  il caffè nel 1850 circa e la pianta del caffè fiorì nelle colline di Ceylon, attirando l’ interesse dalle colonie britanniche che iniziarono ad investirvi. Si parlò allora addirittura di una  “la caccia al caffè”. Uno scozzese, James Taylor, arrivò nel paese nel 1852 per lavorare in una piantagione locale di caffè. Dimostrandosi un duro lavoratore, Taylor fu incaricato di dirigere Loolecondera, dove coltivò diligentemente il prezioso raccolto.

Taylor era anche un innovatore, e viggiando in India si interessò della coltivazione e della lavorazione del tè. Curioso del fatto se questa pianta potesse prosperare in Sri Lanka, Taylor portò con sé alcuni semi e li piantò su un piccolo appezzamento della proprietà. Non sapeva che questa nuova coltura sarebbe stata la salvezza del paese.

Negli anni 1880, “Devastating Emily”, un’epidemia fungina conosciuta come ruggine della foglia del caffè, spazzò via il 90% delle piantagioni di caffè del paese lasciando solo 11.000 acri inalterati. Nel frattempo, le piante del tè di Taylor stavano prosperando. Durante questo periodo, Taylor lavorò le foglie nella propria fabbrica inviando il suo primo campione di tè all’asta del Tè di  Londra nel 1875. A quel tempo c’erano 26 coltivazioni registrate. Vennero messe in vendita dieci casse piene di tè.

Il tè fu un successo. Nel 1884, Ceylon aveva consegnato 2,5 milioni di chili di tè a Londra, e tre anni dopo, la cifra era aumentata a 15 milioni. Entro un decennio, il paese era tornato alla prosperità. Il tè rimase la principale fonte di reddito dello Sri Lanka fino agli inizi degli anni ’80. “Grazie al tè abbiamo strade, ferrovie e le imprese prosperano “, ha detto il presidente Michael De Zoysa,  alla International Tea Convention a Colombo.

“Il tè di Ceylon ha avuto una storia affascinante”, dice Mike Bunston, ambasciatore del tè del Regno Unito nello Sri Lanka,. “Quando sono entrato nel settore del tè nel 1959, il 40% di tutto il tè importato nel Regno Unito veniva da Ceylon. Però quando il tè è stato nazionalizzato, molte cose sono cambiate. Oggi circa l’1% del tè nel Regno Unito è di Ceylon “.

Il tè di Ceylon rimane estremamente importante per l’industria del tè in tutto il mondo. Circa il 70% del tè viene coltivato su campi di piccole dimensioni. Oggi, circa il 68% del tè dello Sri Lanka viene esportato, principalmente per la miscelazione in bustina. Nell’ultimo anno il tè dello Sri Lanka ha raggiunto il prezzo medio più alto in asta rispetto a qualsiasi paese produttore, 3,06 dollari per chilogrammo, un leggero miglioramento rispetto al prezzo dell’anno scorso che era di 3,04 dollari.

Focalizzato sulla sostenibilità, i tè di Ceylon sono alcuni dei tè più puri del mondo. Tutto il tè che viene coltivato e trasformato in Sri Lanka è certificato come libero dalla produzione di ozono, identificato dal logo “Tea Friendly Pure Ceylon Tea”. “Siamo orgogliosi di dichiarare che il tè di Ceylon è il primo e attualmente l’unico tè libero dall’ozono al mondo”, ha dichiarato Chaminda Jayawardana, amministratore delegato della Lumbini Tea Factory in Sri Lanka. “Il nostro tè è libero dall’ozono dalla pianta alla tazza”, ha detto. Inoltre l’industria imporrà un divieto per l’uso del bromuro di metile negli imballaggi di spedizione e di esportazione.

Il paese ha investito in diverse iniziative di sostenibilità per affrontare il problema ecologico. Un esempio è lo studio di ricerca di Dilmah sul tè nel 2016 che indaga l’applicabilità e la funzione di ‘’biochar’’, un ricco nutritivo per il miglioramento del suolo che aiuta a ripristinare il terreno impoverito. Come parte di questo studio, biochar è stato applicato a diverse piantagioni di Dilmah. Ad oggi i risultati sono positivi. I primi risultati suggeriscono che l’addizione di biochar migliorerà sia la resa che la qualità del tè.

Quest’anno lo Sri Lanka festeggia i primi 150 anni di coltivazione del Tè.

Liberamente tratto e tradotto da -Origins: Historic Ceylon di Anne-Marie Hardie su Tea Journey

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.