a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Live Facebook sulle piante adattogene – Dott.ssa Stefania La Badessa

Salvia a tutti cari amici, a chi ci segue da tempo, e anche a chi magari è capitato su questo sito per la prima volta.

Salvia a tutti cari amici, a chi ci segue da tempo, e anche a chi magari è capitato su questo sito per la prima volta.

Come ormai ripeto in tutti gli articoli che scrivo, stanno proseguendo le nostre dirette del mercoledì, che potete seguire a partire dalle 22 sulla pagina Facebook di MondoThè, sul tema delle erbe officinali, o che potete recuperare nell’apposita sezione del sito.

Dopo essere passati per un interessante percorso sulla Naturopatia e nell’ultima live anche sulla Medicina ayurvedica, questo mercoledì sera ci dedicheremo in maniera più specifica ad una categoria particolare di piante, quelle adattogene.

Mercoledì 18 novembre NON SAREMO SOLI, perché ad accompagnarci in questo racconto avremo il piacere di avere con noi la dott. Stefania La Badessa.

 

Chi è Stefania La Badessa?

Stefania La Badessa, laureata in Farmacia e appassionata di medicina naturale, è una divulgatrice scientifica che, da diversi anni, si dedica alla diffusione della conoscenza sul mondo naturale attraverso la pubblicazione di libri e articoli scientifici, la direzione e partecipazione a programmi televisivi, ed infine la creazione di contenuti per il mondo dei social.

Tutto questo lavoro che ha svolto e che continua a svolgere, è animato dall’idea che LA CONOSCENZA È LA BASE PER UNA MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA, e questo è anche l’obiettivo che si prefigge MondoThè con i suoi autori.

Cosa sono le piante adattogene?

Se vi ricordate, questo termine non è nuovo, perché ne avevamo già parlato in una live l’anno scorso, in cui avevamo conosciuto il ginseng.

Il termine “adattogeno” lo usiamo per indicare una qualsiasi sostanza, farmaco o prodotto erboristico in grado di aiutare l’organismo ad adattarsi allo stress, migliorando il vigore ed il grado di concentrazione ed esplicando un effetto ricostituente.

A introdurre questo concetto è stato il farmacologo russo Nicolai Lazarev che nel 1947, per dare un nome alle proprietà del ginseng, crea il nome “adattogeno” e questa è la sua definizione:

L’adattogeno è una sostanza farmacologica in grado di indurre in un corpo uno stato di maggiore resistenza non specifica per controbilanciare i segnali di stress e adattarsi ad uno sforzo eccezionale. Questo termine è riservato solo alle piante medicinali descritte come “in grado di aumentare la resistenza a stress, la concentrazione, le prestazioni e la resistenza in caso di affaticamento o stress

 

Oltre al ginseng di cui abbiamo parlato, anche ad altre piante possiamo dare questo appellativo, ad esempio al Ginseng siberiano, più correttamente chiamato Eleuterococco (Eleutherococcus senticosus (Rupr. & Maxim.) Maxim.), o alla Schizandra (Schisandra chinensis (Turcz.) Baill.), un arbusto nativo del Nord della Cina e della Corea.

Dopo il ginseng, la pianta adattogena più utilizzata è la Rodiola (Sedum roseum (L.) Scop.), conosciuta anche come “Radice d’oro” o “Radice artica”, per via della sua provenienza geografica. La si trova infatti nella medicina tradizionale russa, scandinava e cinese, e viene utilizzata per i suoi effetti positivi sulla vitalità fisica e cognitiva.

Una pianta che non si può non citare, è sicuramente il Basilico sacro o Tulsi (Ocimum tenuiflorum L.), chiamato così perché è considerata una pianta sacra in India, usata da sempre nella Medicina Ayurvedica.

Restando in tema con la nostra rubrica, si possono assumere le foglie sotto forma di infuso per calmare gli stati d’ansia, l’insonnia e l’emicrania.

Questo era solo un piccolo assaggio di tutto quello che scopriremo insieme mercoledì sera, quindi, come sempre, vi invito a seguirci in questo viaggio alla scoperta delle piante adattogene.

Se siete arrivati fin qui con la lettura, mercoledì nella chat della LIVE commentate con “Non siamo soli” e se non avete Facebook per seguirci potete salvare nei vostri preferiti questa pagina e seguirci da li

Grazie per l’attenzione, e come sempre, un saluto da Simone.

Rubrica di Erboristica e Infusi a cura di:

Simone Ambrogio

Studente di Tecniche Erboristiche presso l’Università di Torino

Settore di competenza: piante officinali

Mi interessa il mondo vegetale con tutte le sue sfumature. Mi piacerebbe lavorare in questo settore e contribuire a diffondere le conoscenze a più persone possibili, promuovendo uno stile di vita sano. Sono un musicista e ho aperto da poco una pagina instagram chiamata “Plants in music”, per promuovere la conoscenza delle piante officinali e di tutto ciò che può influenzare il benessere delle persone, utilizzando la musica come strumento per coinvolgere maggiormente le persone.

Scrivimi sulla mia pagina instagram di quali piante vorresti che io ti parlassi nei miei articoli

Pagina Instagramhttps://www.instagram.com/simone.ambrogio/

Condividi:
Giudica quest'articolo
Autore
Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.