a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Lunga vita al Tè – indagine appena pubblicata sul Journal of American College of Cardiology

Niente bibite zuccherate e via libera ai legumi. Un’indagine appena pubblicata sul Journal of American College of Cardiology fa luce su alcuni alimenti. Per tenera a bada la salute cardiovascolare

ZUCCHERI aggiunti, prodotti lattiero-caseari, legumi, caffè, tè, bevande alcoliche ed energetiche. Ma anche grassi omega-3 e vitamina B12. Sono questi alcuni degli alimenti presi in esame dallo studio di alcuni ricercatori dell’American College of Cardiology Nutrition, che hanno tirato le somme su quali prodotti sono amici o meno del nostro cuore. Perché sebbene per “le attuali raccomandazioni una dieta sana per il cuore è ricca di frutta, verdura, cereali integrali e noci con moderazione – dice Andrew Freeman, autore principale dello studio – ci sono molti tipi di alimenti che possono generare confusione nei pazienti, come ad esempio latticini, zucchero aggiunto, caffè e alcol”. Ecco cosa dicono gli esperti a riguardo.

• SEMAFORO ROSSO PER ZUCCHERI AGGIUNTI
Una delle raccomandazioni che emerge dall’indagine è quella di consumare il meno possibile gli zuccheri aggiunti – dunque zucchero da tavola, cibi lavorati, ma anche bevande zuccherate e quelle bibite spesso usate dagli sportivi – perché risultano associati a un aumento del rischio di cardiopatia ischemica e ictus, oltre che a peggiorare alcune condizioni patologiche, come l’aterosclerosi.

• VIA LIBERA AI LEGUMI
Più fagioli, ceci, lenticchie, piselli e soia nella dieta per promuovere la salute del cuore. I legumi, infatti, oltre a essere una ricca fonte di proteine – peraltro economici – possono aiutare a ridurre l’incidenza di coronapatia, ma non solo. Sembrano inoltre migliorare altre condizioni di salute: dalla glicemia alla pressione sanguigna e il peso.

LUNGA VITA AL TÈ

L’analisi degli esperti ha preso in esame anche caffè e tè, considerati da molte persone qualche cosa a cui non è possible rinunciare. Per fortuna le notizie sono buone: secondo i ricercatori, il consumo abituale di Tè e caffè è associato a un minore rischio di mortalità cardiovascolare (per tutte le cause), ma non risulta alcuna associazione con l’aumento del rischio di ipertensione, aritmie e iperlipidemia. Il tè, poi – in particolare quello nero e verde, senza zuccheri aggiunti, dolcificanti o latte – sembra essere persino un ‘toccasana’ perché migliora la salute cardiovascolare.

• RESTA L’INTERROGATIVO SU ALCOL E LATTICINI
Dubbi rimangono invece su alcol e latticini. Sebbene un’assunzione, da bassa a moderata, di bevande alcoliche sia associata a un ridotto rischio di incorrere in malattie cardiovascolari, i ricercatori non ne raccomandano il consumo. Ci sono dei ‘contro’ da non sottovalutare, come il rischio di dipendenza, cancro e malattie del fegato. E più o meno si è arrivati alla stessa conclusione sul fronte latticini, anche se per motivi differenti. Per questi ultimi infatti il parere degli esperti è abbastanza controverso poiché alcuni studi sostengono che quelli a basso contenuto di grassi possono abbassare la pressione sanguigna, altri ne rivelano un’associazione con l’aumento del colesterolo Ldl. Ma almeno sul latte intero gli espressi si sono espressi: sarebbe meglio evitarlo

 

Fonte: Repubblica.it

Condividi:
Giudica quest'articolo
Autore
Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.