a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Coltivare il Tè in Italia a scopo industriale? Una truffa!

 Centinaia di agricoltori in Italia, sono stati truffati e, a tutt’oggi, vengono continuamente truffati, da un’azienda che propone loro la coltivazione industriale del tè in Italia.

L’azienda, di Latina, che si promuove con il volantino qui accanto riportato, è presente alle principali manifestazioni fieristiche italiane, dove propone la nuova “opportunità di business”. In realtà è una truffa in quanto le piante che vendono non sono piante da tè, ossia non sono piante della specie Camellia Sinensis.

Riportiamo alcune delle immagine riprese dai nostri tecnici durante un sopralluogo presso un agricoltore del veneto che ha “investito” 20.000 euro nel progetto. Qui sotto si vede una piantina malata (come anche tutte le altre della “piantagione”) con un boccio di fiore rosso appartenente alla specie Camellia Japonica.

 

Nella’altra immagine una panoramica di una parte dell’appezzamento destinato alla coltivazione della pianta del tè.

Tutte le piante sono ammalate e improduttive, in quanto sia il terreno sia il clima non sono adatti per una coltivazione industriale redditizia della pianta del tè.

Purtroppo nessuno è ancora riuscito a fermare questa truffa (e non sappiamo spiegarci come ciò sia possibile) che va colpire soprattutto agricoltori interessati a nuovi investimenti nel settore agricolo.

Pertanto, se venite avvicinati, o conoscete persone che sono state avvicinate da questi truffatori, NON accettate la proposta e contattateci subito. Fateci contattare anche da agricoltori che sono già stati truffati.

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.