a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Famoso grazie al Tè!

Carnagione olivastra, capelli castano scuro e occhi blu. Un colore così penetrante, perfettamente in tinta con la sua casacca turchese, che ha ammaliato il mondo intero.

Lui è Arshad Khan, l'(ormai ex) venditore di tè che, da quando una domenica come tante ha incrociato il suo sguardo con quello della fotografa pakistana Jiah Ali, è diventato il ChaiWala – venditore ambulante di tè – più famoso e cercato del Paese. E non solo.

Di etnia pashtun, Arshad e la sua famiglia (madre, padre e ben 17 fratelli) vivono nella città di Mardan, nella provincia del Khyber Pakhtunkhwa. Ogni domenica mattina, il 18enne percorre (o sarebbe meglio dire percorreva – perché la sua vita è già cambiata) chilometri per raggiungere il suo chiosco di tè e infusi nel mercato di Islamabad.

LO SCATTO DELLA FAMA

Sono stata fortunata, ho scattato l’immagine diventata virale proprio nel secondo in cui mi ha guardato. Poi, sorridendo, ha distolto lo sguardo», ha dichiarato Jiah a Buzzfeed. Un giorno come gli altri, a fare il lavoro di sempre si è trasformato nel suo giorno fortunato. Un video, qualche scatto postato su Instagram e quel volto ha fatto il giro dei social e dei media, fino a raggiungere i ‘piani alti’ del mondo della moda. Infatti, pare che al bel 18enne siano già arrivate numerose proposte di lavoro e che abbia già firmato il suo primo contratto da modello. «Non avrei mai pensato che sarei diventato famoso e sono rimasto molto stupito dall’improvvisa celebrità», ha spiegato a 92 News. Confessando, però, che vorrebbe diventare attore in Pakistan.

Fonte: Ansa

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.