a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Il tè tradizionale nepalese

Il tè tradizionale nepalese è considerato uno dei migliori al mondo, ma la sua disponibilità al di fuori dei suoi cIlamonfini è estremamente limitato. Essendo uno dei paesi più poveri del mondo, il Nepal semplicemente non ha l’infrastruttura per gestire in modo efficace una attività di esportazione redditizia. I coltivatori possiedono capacita’ di marketing e competenze di distribuzione inadeguate inoltre hanno pochissima comprensione dei mercati occidentali; la mancanza di possibilita’ di trasporto adeguata è un’ulteriore barriera.

I giardini del tè di Ilam producono alcuni dei migliori tè del mondo

Il terremoto di magnitudine 7.8 che ha colpito il Nepal nell’ aprile 2015 ha causato una massiccia devastazione; la ricostruzione è stata praticamente inesistente.

Dopo il devastante terremoto dello scorso anno, in cui più di 8.000 vite nepalesi sono state perse e da cui il paese non ha quasi ancora cominciato a riprendersi, si è verificata una crisi artificiale altrettanto devastante: l’India ha imposto un embargo sulle importazioni, la chiusura delle frontiere e la crilam2eazione di una situazione in cui questo paese non ha piu’ sbocchi sul mare.

Mentre l’ embargo e’ stato recentemente allentato, non cambia il fatto che la gente è disperata e, anche con alcune delle regioni più ottimali per la produzione del tè in tutto il mondo ed i migliori tè, l’industria è emarginata. I lavoratori di tè vivono in povertà e siccome la maggior parte delle esportazioni del tè finiscono in India, i coltivatori nepalesi semplicemente devono prendere quello che possono ottenere dai loro acquirenti limitrofi: i margini di profitto sono disperatamente bassi.

“In Bardu, nella regione di Ilam, i coltivatori sono alla mercé del mercato del tè indiano”, afferma Jeni Dodd, CEO e fondatore di tè di Jeni, una società di New York che acquista tè dal Nepal (e da altrove) promuovendo al contempo l’ apprezzamento del tè pregiato ed artigianale attraverso l’educazione e le degustazioni  di tè alta qualità. Dodd ha un appartamento a Kathmandu e trascorre molto tempo nel Nepal rurale, incontrando agricoltori del tè, commercianti ed abitanti del villaggio. Gli impianti di lavorazione sono pochi e lontani tra loro, e, se esistono, sono molto semplici, spiega. I mercanti indiani comprano il tè nepalese direttamente dai coltivatori e lo lavorano in India. “Ma continuano a ridurre il prezzo. Il prezzo è sceso  del 50% quest’anno, rispetto allo scorso anno “, ha detto.

Ilam3

Dodd sta conducendo una carica per finanziare la costruzione di impianti di lavorazione più vicino ai villaggi nepalesi in cui si coltiva il tè, in modo che i coltivatori locali abbiano un maggiore controllo del prodotto e possano costruire un’industria più sostenibile. “Siamo a circa due anni di distanza dall’ ottenere impianti di trasformazione in Bardu,” dice.

 

Attraverso la promozione del tè nepalese in Nord America, Dodd spera di creare una domanda per questi pregiati tè e, a sua volta, lavorare con i gruppi nel Nepal per costruire un consorzio di produttori che possono fornire il prodotto al mercato nordamericano. Allo stesso tempo, è necessario formare un gruppo abbastanza grande di acquirenti americani cosicche’ una ragguardevole spedizione possa essere distribuita tra di loro. “Le spese di spedizione sono proibitive per le esportazioni di basso livello”, spiega. “L’obiettivo è quello di spedire grandi quantità e quindi fornire un modello di business redditizio per i produttori ed gli acquirenti.” Dodd riconosce che la creazione di un mercato è tutt’altro che una soluzione rapida, e che la situazione di povertà corrente è estrema, tuttavia,  è determinato a perseguire soluzioni a lungo termine e questo sarà di grande aiuto per il popolo nepalese e la loro industria del tè.

“Molti bevitori di tè occidentali non sanno nemmeno che il Nepal è una entità separata”, afferma Dodd. “Il Nepal non ha fatto un grande lavoro nella creazione di una identità per i suoi tè. Sì, sono simili a Darjeeling, ma ci sono alcuni sapori davvero unici che non troverete in nessun tè in qualsiasi altra parte del mondo. Quando si è confusi con il tè indiano, è difficile creare un mercato. ”

ilam4

Dhulagiri bianco Nepalese

Maggie Le Beau è un’ altra americana che fa del suo meglio per promuovere il tè nepalese. La sua società fondata tre anni fa, la Nepali Tea Traders, e’ stata originariamente formata per importare il tè nepalese nel Nord America ed è cresciuta in una imprenditorialità sociale.  Aiuta una più ampia fascia di nepalesi riinvestendo nell’ istruzione, contribuendo nel Nepal a costruire un’economia per il tè  e rendere conosciuti  i suoi tè sulla mappa del mondo.

 

“La gente dice che i tè nepalesi sono alcuni dei più buoni del mondo, quindi perché non sono più i venduti? In questo momento le loro esportazioni sono valutabili in poche centinaia di milioni di dollari; il Kenya a confronto  esporta più di un miliardo di dollari di tè all’anno “, dice Le Beau.

Indica i problemi di lingua e di valuta come alcuni dei principali ostacoli che creano difficoltà quasi insormontabili per la fornitura di tè per corrispondenza a piccoli clienti, grossisti o consumatori in Occidente. “Mi sono reso conto che in realtà c’è bisogno di una società creata negli Stati Uniti per fare si  che questo accada”, dice. “Come squadra, stiamo contribuendo a stimolare la domanda del tè nepalese ed a creare interesse.  Il nostro obiettivo è quello di spingere quel numero a più di un miliardo di dollari nei prossimi anni.”

 

Le Beau ha notato che la famiglia nepalese media spende la maggior parte del suo denaro per l’istruzione e la sanità. Essi vogliono educare i loro figli e vogliono sollevarsi dalla povertà, ma è sempre appena fuori portata, dice. “Ma se si inizia a trattarli in modo equo e si vende il tè senza un mercante intermediario (Indiano), i Nepalesi ricevono più soldi e gli agricoltori saranno in grado di mandare i propri figli a scuola. L’industria del tè in Nepal è così collegata al futuro del Nepal “.

 

Come Dodd, Le Beau ha investito nell’idea di creare una cooperativa, per dare ai coltivatori una quota nella produzione di tè locale. Nepalese Tea Traders sta lavorando con un modello cooperativo chiamato Sandakphu (dal nome della montagna himalayana), una piccola fabbrica che finora ha prodotto tre premiate qualità di tè nepalesi per la Tea Traders importazioni.

 

La produzione,  riferisce, sta diminuendo a causa dalla recente siccità che ha colpito il primo raccolto (sia nel Nepal orientale che nella regione di Darjeeling dell’India) all’inizio di quest’anno. Quando la pioggia finalmente è arrivata, hanno creato una seconda mandata precoce  che mostra  attualmente  un grande potenziale.

 

E’ chiaro che il Nepal e la sua gente hanno toccato il cuore di questi due pionieri del tè americani, impegnati a migliorare la vita del popolo nepalese oltre a godere e promuovere il loro tè. “Il Nepal è una bella, magica, terra così mistica”, dice Le Beau. “Sono belle persone con una meravigliosa cultura gentile.”

 

“Nepal entra nel cuore e nell’anima”, afferma Dodd. “Ho disperatamente voglia di aiutare questo paese ad avere successo. Questo è il mio desiderio numero uno . Le persone sono incredibili e hanno un tremendo senso di indipendenza “.

 

Jeni Dodd, CEO e fondatore di tè di Jeni, presenterà “Win Win Win: Valore virtù e voi – Tea Nepali” al World Tea Expo, Venerdì 17 giugno, ore 11-12:30pm

Lei offrirà degustazioni di diversi tè , tra cui il primo raccolto di Everest tè, un giardino da tè in Bhotechaur nel distretto Sindhupalchok (l’epicentro del recente terremoto), che non ha prodotto  tè da  più di 25 anni.

ilam5

Saluti dal Nepal

Maggie Le Beau, fondatore e CEO di nepalesi Tea Traders, presenterà il segmento Nepal nel Mondo Origine degustazione Tour al World Tea Expo, Martedì 14 giugno, 08:00-05:00

Fonte: worldteanews.com

Traduzione: redazione InfoThe

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.