a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Niente caffeina prima della mammografia

Se avete prenotato un accertamento radiografico al seno, dovrete rinunciare alla caffeina (caffé, tè, e bevande gassate), altrimenti si rischia di falsare il risultato dell’esame. La caffeina rafforza i tessuti connettivi, secondo lo stesso principio con il quale, ad esempio, molti prodotti cosmetici sono efficaci contro la cellulite o la pelle a buccia d’arancia.

Nel caso di una mammografia al seno, però, questo effetto “condensante” può essere effetti negativi. “Può rendere più difficoltosa la diagnosi di possibili cambiamenti nelle mammelle” sottolinea il dottor Peter Hausser, membro del consiglio direttivo della associazione professionale dei medici per le donne tedesca (Berufsverband der Frauenärtzen).

Da qui, il consiglio di limitare, non soltanto il giorno dell’esame, ma già da qualche giorno prima, l’assunzione di caffeina nelle sue molteplici varianti. Sottoporsi alla mammografia una volta ogni due anni, per tutte le donne da 50 ai 69 anni, è una delle pratiche diagnostiche consigliate per riconoscere in maniera precoce ogni possibile insorgenze di formazioni tumorali. Al di là degli esami radiologici, un’altra importante abitudine da prendere, indipendentemente dall’età, è quella dell’autopalpazione, che – se praticata con regolarità – fornisce un prima immediata indicazioni sui cambiamenti della struttura del seno.

Fonte: il Sole 24 ore

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.