a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Disastro per il tè Darjeeling, terribile maltempo e piaghe

Le colline del  Darjeeling sono la patria di 87 piantagioni di tè che impiegano circa 70.000 persone

Le  scarse piogge hanno causato attacchi più violenti da parte dei parassiti come l’acaro rosso, i moscerini del Tè ed altri che causano gravi danni al raccolto, dicono gli esperti di tè locali.

I rendimenti sono scesi a 8.500 tonnellate quest’anno rispetto al 2010 in cui si sono prodotte circa 10.000 tonnellate.

Il suo sapore fragrante e delicato è  il preferito degli appassionati britannici del tè dal 1850.

Ma ora il Darjeeling è a rischio a causa del terribile maltempo in India ed a causa di una piaga di insetti.

I proprietari immobiliari ai piedi dell’Himalaya, dove si coltiva il tè, dicono che i loro raccolti si trovano ad affrontare ‘disastro’ potenzialmente pericoloso per la bevanda preferita del Regno Unito.

Dal 2012 i cespugli sono stati indeboliti da un peggioramento della siccità durante le stagioni chiave di crescita e dalle frane causate dalle piogge in altri periodi dell’anno.

I rendimenti sono scesi a una media di 8.500 tonnellate all’anno dal 2010, rispetto a circa 10.000 tonnellate all’anno prodotte tra il 2000 e il 2009, secondo l’associazione del tè indiano.

Il ‘Tè Darjeeling si trova ad affrontare un grande disastro,’ ha dichiarato Arun Singh, capo del Goodricke Group Ltd, che ha più di 10 piantagioni di tè nella regione.

‘Le nostre colture diminuiscono ogni anno a causa di fattori climatici.’

Kaustuv Roy, capo della divisione del tè di ‘Andrew Yule and Company’, ha aggiunto: ‘Non credo che la produzione del tè Darjeeling  venga meno all’improvviso, ma ogni anno la sua produzione si sta deteriorando, date le condizioni climatiche e altre sfide. ‘Il The Darjeeling , nello stato del Bengala occidentale, si produce in 87 piantagioni di tè che impiegano circa 70.000 persone, con un fatturato annuo di 55 milioni di £. Il calo della produzione dovuta anche all’invecchiamento delle piante di tè, l’aumento del costo del lavoro  ed il calo della domanda sono dei danni, hanno detto i coltivatori.

‘I cespugli, che hanno dai 75 ai 100 anni, devono essere sostituiti al fine di garantire un raccolto migliore’, ha detto Shiv Saria, la cui azienda Gopaldhara dispone di quattro piantagioni di tè in Darjeeling.

I cespugli producono meno man mano che invecchiano, ma la loro sostituzione è un costoso di business – reso ancora più costoso e incerto a causa dalle piogge irregolari, dicono gli esperti.

Subhasish Sannigrahi, Senior Scientist principale della Research Association del tè, ha detto che i cespugli appena piantati hanno bisogno di irrigazione.

Ma gli investimenti futuri di massa nella coltura sono incerti a causa della carenza d’acqua a fronte di una popolazione in rapida espansione.

Alcune nuove piante di Darjeeling sono stati piantate ed hanno costruito  nuovi muri per far in modo che il terreno superiore non sia spazzato via in caso di un diluvio.

Fonte: Dailymail.co.uk, 2 Febbraio 2017 ,

Traduzione a cura di MondoThè

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Commenti
  • interessante.
    mondo affascinante e impensabile per la raffinatezza

    2 Gennaio 2018
  • Grazie Roberto!

    2 Gennaio 2018

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.