a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

La passione per il Tè nasce nel grembo materno

    Pare che alcuni test abbiano dimostrato che ciò che piace alla mamma in gravidanza piacerà al nascituro. Sarà vero?

Qualche tempo fa The Guardian ha pubblicato un articolo secondo cui alcuni test dimostrano che i cibi consumati in gravidanza sono facilmente identificabili nel fluido amniotico e che il feto svilupperà così il gusto per sapori già familiari nel grembo materno.

Forse si tratta di un meccanismo legato alla sopravvivenza, di certo gli esseri umani adorano il sapore dolce ancor prima di nascere. Difatti a circa 15 o 16 settimane dal concepimento, il feto sviluppa già apprezzamento per gli zuccheri assumendo una maggior quantità di fluidi amniotici se sono dolci e di meno se sono amari.

Il liquido amniotico contiene componenti chimici che hanno un loro sapore e un loro odore, ed è noto che la familiarità genera affezione. Così, ad esempio, se già cinque mesi prima di nascere il feto si abitua a “gustare” il tè nel grembo materno, potrà diventare un amante della bevanda da grande.

L’altro lato della medaglia è che se la mamma durante la gravidanza indulge nell’assunzione dei famigerati “junk food” o “cibo spazzatura”, anche il bimbo potrebbe sviluppare una predilezione per quegli alimenti altamente saporiti, estremamente energetici, ma poveri di nutrienti, che piacciono tanto perché esercitano una forte attrazione sulle nostre innate preferenze.

Tornando al tè, se anche vostra madre, così come la mia, non ha mai bevuto tè in vita sua, non disperate: avete comunque ancora delle chance per diventare bevitori ed estimatori della bevanda anche da grandi 😉

 

 

Condividi:
Giudica quest'articolo
Autore
Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.