a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

L’Industria globale del tè si trova di fronte a sfide

Di: Dan Bolton

DUBAI, Emirati Arabi Uniti

I dirigenti medio orientali ed asiatici del tè si sono  mostrati risoluti di fronte a diverse sfide individuate alla Biennale di Dubai Tea Global Forum (primavera del 2016) .

Il gruppo di 390 dirigenti ha riaccolto nel gregge i loro colleghi dell’ Iran, il quarto più grande paese al mondo per il consumo di tè pro capite ed esportatore significativo negli anni precedenti le sanzioni globali imposte dalle Nazioni Unite. Le sanzioni sono state revocate alla fine del 2015.

“Queste sanzioni hanno ridotto la possibilità di commercio. Non siamo stati in grado di ottenere macchinari efficienti. Ora saremo in grado di commerciare facilmente con tutto il mondo grazie alla tecnologia moderna “, ha detto Mitra Mobayen, che gestisce la Tala Tea Co. Di base in l’Iran.

Un altro sviluppo degno di nota è  l’annuncio dato da Multi Commodities Centre Dubai (DMCC) secondo il quale verrà lanciato un marchio eccellente (premium brand) chiamato tè Shay Dubai.

Industria globale 1

Ahmed Bin Sulayem, presidente esecutivo della DMCC

Ahmed Bin Sulayem, presidente esecutivo della DMCC

Il Dubai Tea Global Forum è stato ospitato dal Centro del tè del DMCC, una branchia commerciale del governo degli Emirati Arabi Uniti (EAU), un’alleanza di sette sceiccati con una popolazione di 9,5 milioni.

Questa è stata la 6sta edizione di Talking Tea.

Ahmed Bin Sulayem, presidente esecutivo della DMCC, ha detto ai partecipanti che il marchio non è in grado di competere con una Lipton: “Shay Dubai è un nostro proprio marchio di tè di fascia alta. Siamo entusiasti di condividere questo nuovo prodotto, “ha detto.

‘Vi sono differenti sapori: Khaliji Blend, Dubai Spirit, Arabic Breakfast, purtroppo non sono disponibili per l’assaggio’.

Il Centro del tè DMCC è ora il più grande ri-esportatore al mondo di tè, con l’elaborazione di 41 milioni di chili nel 2015 (90 milioni di sterline), più del triplo rispetto ai 13 milioni di chili trattati nel 2013, secondo il direttore Sanjeev Dutta del Tea Centre.

A livello mondiale la domanda continua a superare l’offerta. I prezzi sono allo stesso livello minimo visto l’ultima volta nel 2008. Le guerre civili ed i disordini sociali continueranno a pesare molto sul business del tè. La stasi economica a livello globale e le depressione del mercato del tè russo e della CSI hanno suscitano preoccupazione.

Industria globale 2

Il mercato per le esportazioni del tè è debole, ha riferito Manuja Peiris, direttore esecutivo del Comitato Internazionale del tè. Il prezzo medio per il tè è stato di $ 2,40 al chilo nello scorso anno, in calo da un massimo di $ 2,65 nel 2012 e leggermente al di sotto delle recenti recessioni medie, oggi viene $ 2,42 al chilo. La domanda continua a crescere e, mentre i coltivatori di tè hanno prodotto 5,2 milioni di tonnellate nel 2015 – il consumo domestico nei paesi produttori ha lasciato solo 1,75 milioni di tonnellate, o 34% del raccolto totale, per l’esportazione. La disponibilità per l’esportazione è in  ribasso a partire dal 2006, quando è stato esportato il 43% del raccolto annuale. L’India da sola consuma 911 milioni di chili ogni anno – il 19% del tè al mondo.

“L’India opera in un bozzolo e le tendenze internazionali del tè possono influenzare solo marginalmente l’andamento dei prezzi”, ha detto Sangeeta Kichlu, presidente del marketing di Assam Company India, Calcutta.

L’India sta vivendo delle  battute d’arresto a causa dei cambiamenti dei modelli climatici che riducono la resa del tè  in un momento in cui la domanda è in rapida crescita. Come risultato “l’India è destinata a diventare anche un importatore di tè.” Leading packeteers (servizi di impacchettamento/imballaggio) internazionali “sono per l’India la futura crescita “, sostiene.

 

Industria globale 3

Il Kenya ha rappresentato nel 2015 il 25% delle esportazioni mondiali del tè  , la quota della Cina per le esportazioni è salito al 18%, lo Sri Lanka è sceso al 17% e l’India ha esportato il 12% di tè al mondo. Lo Sri Lanka continua a guidare i paesi esportatori, con un prezzo medio da tre anni di $ 4,66 al chilo, il prezzo medio dei tè cinesi e’ $ 3,86 al chilo; le esportazioni indiane costano in media $ 3,26 al chilo e il prezzo medio da tre anni del Kenya per il tè esportato è stato di $ 2,67 al chilo, questo secondo il ITC che festeggia il suo 80 ° anniversario. I prezzi sono FOB.

Le importazioni del Medio Oriente sono scese a 218,470 tonnellate rispetto alle 226.930 nel 2014. Cinque anni fa, i paesi del Medio Oriente hanno importato 250.000 tonnellate di tè ogni anno. La Federazione Russa ha importato 3.000 tonnellate in meno nel 2015 e le importazioni ai paesi della CSI è sceso di 4.000 tonnellate con l’Ucraina e il Kazakistan che mostrano i maggiori cali nel corso dell’anno passato.

Industria globale 4

 

Due sviluppi: il rientro nel mercato delle esportazioni del tè dall’Iran, importante produttore di tè e venditore nel mercato degli Stati Uniti. Gli  lo scorso anno sono stati l’unico grande paese nel mondo a segnalare aumenti delle importazioni e del consumo di tè. Il tè pronto da bere  detiene la quota maggiore del valore di mercato del tè negli Stati Uniti ed  è aumentato del 6,1% l’anno scorso, secondo la Beverage Marketing Corp.

Yu Lu e la Camera di commercio cinese per l’importazione/esportazione di prodotti alimentari hanno fornito informazioni chiave inerenti la crescita del settore del tè nel paese. La produzione era 2,28 milioni di tonnellate nel 2015 con un tasso annuo di crescita composito del 9,2%. Le esportazioni stanno crescendo di 1,4%, uguali a 325.000 di tonnellate nel 2015. “Il valore delle esportazioni è in costante crescita dai $ 1.38 miliardi nel 2015,” ha detto. La Cina non sta più cercando di competere con paesi come il Vietnam sulla fascia bassa del mercato. Il prezzo medio degli ultimi tre anni per i tè esportati e’ stato $ 1,64 al chilo in Vietnam. In Cina la media degli ultimi tre anni è aumentata a $ 3,86 al chilo. La Cina ha importato 23.000 tonnellate di tè nel 2015, cio’ indica un aumento improvviso e vivace del 13,2%, il prezzo pero’pagato  per l’importazione e’stato solo di $ 110.000.000. In Cina le importazioni di tè sono in aumento del 15,7% (CAGR).

Il consumo domestico è stato di 1,72 milioni di tonnellate. Solo il 33% della popolazione beve tè ogni giorno, secondo Yu Lu, ma la base è cresciuta da un valore stimato in 443 milioni nel 2014 a 471.000.000 al giorno d’oggi, una crescita del 6,3%. La Cina ha una popolazione di 1.367 miliardi di persone. Il Tè per uso domestico è ancora relativamente costoso per gran parte della popolazione. Il tè all’ingrosso è venduto a prezzi che vanno 400-1000 RMB al chilo ($ 62 a $ 155 per chilo).

L’iraniano Mitra Mobayen, ha detto ai partecipanti che il consumo annuo di 1,4 chili a persona in un paese di 78 milioni è stato sufficiente a sostenere l’industria nazionale. Ci vorrà del tempo per modernizzare e riallacciare i contatti con i compratori che avevamo in precedenza e che ora si rivolgono a nuovi fornitori. Nel corso degli ultimi 10 anni la “raccolta e la coltivazione, purtroppo, è stata diminuita a causa del clima e dell’efficienza economica”, ma ha previsto presto un ritorno alla ribalta mondiale.

Nella presentazione ha riferito che quasi la metà dei bevitori Americani di tè hanno ordinato tè freddo nel ristorante / bar negli ultimi 30 giorni ed il 21% ha ordinato tè caldo. RTD tè è consumato dal 36% di tutti gli adulti, il consumo e’ più elevato tra i 18-34 anni. Gli Stati Uniti sono ora il terzo più grande importatore di tè al mondo, dietro al  Pakistan. Durante 2010-14 il valore aggregato di tè importato è aumentato del 17%,  in media $ 3439 per tonnellata. Ma il volume di tè importati negli Stati Uniti è aumentato solo del 2% nel periodo 2010-14, secondo Packaged Facts. Il Tè caldo viene preparato in casa da 54% dei bevitori di tè seguita da tè freddo al 51%. Le capsule monodose rappresentano il 13% delle vendite di tè asciutti. L’anno scorso il tè RTD ha generato $ 5,56 miliardi di dollari di vendite.

Fonte: worldteanews

Traduzione: Redazione MondoThe

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.