a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Perché il tè britannico è in piena espansione in Cina

Ji Mengyu sprofonda in una poltrona morbida con la sua tazza di tè, in sottofondo  suoni di cucchiaini tintinnanti e chiacchiere leggere. Il salone da tè vittoriano riccamente decorato è tipicamente britannico, qualcosa uscito da Downton Abbey. Tranne che è a Pechino.

La professionista venticinquenne fa parte di un numero crescente di cinesi che si lasciano alle spalle le antiche tradizioni tè del loro paese a favore di miscele inglesi importate. Per Ji, il tè ha un alone di lusso e di qualità, e le dà la sensazione di essere partecipe nella elegante cultura britannica.

“Penso che la cultura e  le usanze tradizionali del popolo britannico abbiano una sorta di stile classico”, spiega Ji; lei è stata ispirata da spettacoli televisivi come Downton Abbey, ma anche Sherlock Holmes e Game of Thrones.

Per tre secoli l’ Asia e l’ Africa hanno dissetato la sete degli inglesi per il tè, fornendo foglie secche per il valore di milioni di sterline ogni anno. Ora, questa tendenza sta mostrando alcuni segnali di inversione. Cina e Hong Kong, in particolare, stanno vedendo un aumento dell’appetito per le miscele di tè inglesi – alcuni dei quali sono realizzati con foglie della Cina stessa, un esempio di colpi di scena nel commercio che la globalizzazione dei gusti può creare.

I tè di lusso di aziende britanniche leggendarie come Twinings, Taylors of Harrogate e Hudson & Middleton occupano sempre più spazio sugli scaffali nei supermercati cinesi, nei menu di ristoranti e negozi on-line.

Le case da tè che servono il tè pomeridiano britannico sono germogliate nelle grandi città in Cina. Cinque anni fa, la Annvita English Tea Company ha aperto dieci case da tè in giro per la Cina, che serve miscele e dolci importati, in sale da tè in stile britannico. Il numero da allora si è decuplicato, ben più del previsto.

“Si adatta al gusto di persone che vogliono perseguire una migliore qualità della vita”, dice Li Qunlou, direttore generale di AnnVita English Tea House di Sanlitun a Pechino.

drinking-tea22Come risultato, le aziende che vendono miscele premium di tè inglesi hanno visto  salire le loro esportazioni verso la Cina e Hong Kong.

Nei primi cinque mesi del 2016, le esportazioni di tè inglesi a Hong Kong è quasi triplicato rispetto a due anni prima. Si sono raddoppiate nel resto della Cina, secondo i dati del brevetto britannico HM Revenue & Customs.

Le spedizioni verso la Cina e Hong Kong  costituiscono solo il 7 per cento del totale delle esportazioni del tè inglese, ma la quota sta crescendo rapidamente.

Alcune di queste forniture provengono da Harrogate, una piccola città nel nord dell’Inghilterra, che è la casa di Taylors of Harrogate. L’azienda a conduzione familiare di quarta generazione è stata la prima a vendere il tè inglese in Cina, 10 anni fa. Negli ultimi tre anni, le vendite sono più che raddoppiate ogni anno.

“La Cina produce quasi la metà del tè del mondo, così  superficialmente si potrebbe pensare che ci sia una possibilità limitata per Taylors of Harrogate”, dice Matthew Davies, responsabile delle vendite internazionali a Taylors of Harrogate.

Il Tè proviene dalla Cina ed è stato una parte centrale della cultura cinese per migliaia di anni. In Gran Bretagna, il tè non è stato introdotto fino al 17 ° secolo, anche se da allora è diventato un punto fermo e adattato ai vari gusti. Ogni giorno migliaia di campioni di tè arrivano a Harrogate per gli assaggiatori da valutare. L’attività si basa essenzialmente sulle loro papille gustative per trovare il giusto mix di foglie per produrre il sapore su cui si basa la reputazione dell’ azienda. I clienti cinesi comprano principalmente Earl Grey e tè  da colazione inglese di Taylor of Harrogate.

“Il nostro approccio è stato quello di investire tempo e risorse per comprendere il comportamento dei consumatori e abbiamo scoperto che ci sono un certo numero di consumatori cinesi con un alto livello di reddito, dice Davies.

La domanda è in crescita soprattutto nella classe media benestante Cinese ed è alimentata da rappresentazioni dell’ alta società britannica presenti in spettacoli televisivi, nuove storie della famiglia reale e classici romanzi inglesi come Jane Austen, dicono gli analisti.

“In precedenza, i consumatori cinesi erano più esposti alla cultura americana, McDonalds e stile hollywoodiano, cose di quel genere. Negli ultimi anni, a causa delle popolari serie televisive inglesi, i consumatori cinesi sono più esposti alle marche e lo stile di vita inglesi “, dice Speranza Lee, analista Senior delle bevande di Euromonitor International. Un’ altra ragione per la popolarità fiorente del tè britannico importato è la serie di scandali alimentari apparentemente senza fine che affligge la Cina e Hong Kong.  Secondo Greenpeace ed indagini governative sono presenti alti livelli di pesticidi velenosi nel tè, anche in alcuni dei marchi più noti.

Importati marchi premium di tè inglbritish-people-and-the-tea-1-638esi sono percepiti come più sicuri e di una maggiore qualità. Paradossalmente, alcuni dei tè inglesi venduti in Cina e Hong Kong sono originariamente coltivati in Cina. Tuttavia, questa rappresenta solo una piccola quantità delle  esportazioni britanniche – circa il 3 per cento, secondo Frost & Sullivan, una società di ricerche di mercato.

I tè inglesi sono composti principalmente da foglie di importazione provenienti dall’ Africa e dall’ India, regioni in cui il gusto per le miscele di tè britannici non è cresciuta allo stesso modo, per ragioni economiche e culturali.

Nonostante il recente rallentamento dell’economia cinese, Taylors of Harrogate e molte altre aziende ed esperti del settore sono ottimisti circa i consumatori del paese.

 

“Stiamo continuando a rafforzare le nostre attività in Cina”, dice Davies.

 

 

Fonte: The Associated Press, September 5, 2016

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.