a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Burundi – Le piogge aumentano del 36 % il raccolto del Tè

Nel primo semestre di quest’anno il valore delle esportazioni di tè dal Burundi è aumentato del 36 per cento, rispetto ai ricavi messi a segno nello stesso periodo dello scorso anno.

Grazie alle piogge abbondanti, nello stesso periodo sono aumentati anche i volumi dell’export, che sono passati dalle 3.365 tonnellate dei primi sei mesi del 2009, per un valore pari a 7,38 milioni di dollari, alle 3.994 di quest’anno (10,07 milioni di dollari).

«Siamo riusciti a spuntare i prezzi migliori nei primi tre mesi dell’anno», ha spiegato il dirigente dell’Ente statale per il tè, Remy Ndayininahaze, «perché caratterizzati da una maggiore stabilità della domanda».

Il Burundi esporta l’80 per cento del tè che produce, e lo fa tramite l’asta settimanale, che si svolge a Mombasa, in Kenya.

Dopo il caffè, il tè rappresenta per il Paese, che ha 8 milioni di abitanti (ed è uno tra i più poveri Paesi al mondo), la seconda voce per gli introiti in valuta e dà lavoro a circa 300.000 piccoli coltivatori.

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.