a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

Girelle vegan alla zucca e cannella

Ciao a tutti,

oggi vi propongo una dolce novità a base di zucca e cannella; la cannella, una spezia dal sapore molto particolare, piccante e dolce allo stesso tempo, era già apprezzata nell’antichità, da Egizi e Romani. Diffusa per le sue numerose proprietà medicinali, è infatti un potente antiossidante, oggi è ampiamente usata in cucina soprattutto per le preparazioni dolci, ma è gradita anche per quelle agrodolci e salate.

I dolci preparati con impasti lievitati a lungo, come queste girelle, sono una vera delizia per il palato, molto apprezzati dal sottoscritto e anche qui in LUMEN, dai più piccoli ai più grandi.

Inoltre, questo nuovo impasto che stai per preparare, è estremamente versatile e lo puoi utilizzare per realizzare ottimi rotoli dolci, strudel, brioches, basi per torte, trecce…

Libera la tua fantasia!

In questo momento mi mangerei molto volentieri una girella in compagnia di un tè deciso come un tè rosso Keemun o perché no, anche di tè affumicati come un tarry o un lapsang souchong

Buona degustazione e alla prossima ricetta!

Giacomo

 

 

Girelle vegan alla zucca e cannella

(per 8 girelle)

Ingredienti

250 gr di farina semintegrale

80 gr di malto di riso

60 gr di zucca (peso da prodotto pulito)

60 ml di latte di riso

20 ml di olio extra vergine di oliva

6 gr di scorza secca di arancia

4 gr di sale marino fino integrale

2 gr lievito di birra fresco

 

Per la farcitura

qb di latte di soia

qb di cannella in polvere

 

Per la finitura

2 cucchiaio di malto di riso

1 cucchiaio di acqua

Realizzazione

Taglia la zucca a cubetti e falla lessare in acqua leggermente salata. Quando sarà molto morbida scolala, frullala con una robot insieme al malto di riso e lasciala intiepidire.

Scalda il latte di riso a 30° e con questo sciogli il sale ed il lievito (sbriciolato precedentemente con le dita), in due bicchieri separati. Tieni da parte.

In una ciotola metti la farina e la scorza di arancia e crea un cratere; versa al centro il lievito precedentemente sciolto nel latte e mescola bene con le dita in modo da amalgamarlo con poca farina. Unisci la purea di zucca e malto ed il sale sciolto nel latte di riso. Impasta il tutto fino a quando si sarà formata una massa omogenea, dopodiché aggiungi l’olio ed impasta ancora fino ad incorporarlo bene.

Trasferisci ora l’impasto sul piano di lavoro infarinato e lavoralo per altri 5 minuti.

Ottenuta una palla morbida e uniforme trasferiscila in una ciotola infarinata e abbastanza capiente da permettere all’impasto di raddoppiare.

Ricopri prima con la pellicola e poi avvolgi con una coperta. Attendi circa 3 ore (il raddoppiamento di volume) e utilizza l’impasto per creare le girelle.

Stendi l’impasto sul piano di lavoro infarinato con il mattarello creando un rettangolo alto circa ½ cm. Con il lato lungo verso di te, spennella la superficie con del latte di soia e spolvera con la cannella in polvere, escludendo gli ultimi tre centimetri.

Arrotola su sé stesso ciascun rettangolo a formare un rotolo, esercitando una lieve pressione e sigillando la parte finale con un pochino di latte di soia ancora se occorre.

Taglia in 8 parti ciascun rotolo e disponilo con la parte tagliata verso l’alto, allargandolo un po’, in una teglia bassa foderata con la carta da forno. Infarina leggermente la superficie delle girelle e copri con la pellicola per evitare che correnti d’aria asciughino la superficie limitando la lievitazione. Lascia che le girelle raddoppino di volume (ci vorranno più o meno 4 ore in un ambiente caldo a circa 25°) e a questo punto metti in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti circa.
Per ottenere un effetto brillante, spennella la superficie con il malto e l’acqua stemperati insieme e cuoci ancora un paio di minuti prima di servire le girelle calde o tiepide.

Buon Appetito

Giacomo

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.