a
La prima piattaforma multimediale italiana sul Tè

La caffeina non anticipa il parto

Una vasta meta-analisi sui più recenti studi condotti per valutare il ruolo della caffeina durante la gravidanza, sembra escludere una maggiore probabilità di nascite anticipate nelle donne che bevono quotidianamente caffè e tè.

 La ricerca ha considerato in totale ventidue trial clinici, che hanno coinvolto decine di migliaia di future mamme negli Stati Uniti, in Europa, in Canada e in Brasile.

Dalla valutazione dei risultati di tutti gli studi inseriti nella meta-analisi, emerge che 300 milligrammi di caffeina – l’equivalente di tre tazzine di espresso o di tre tazze di tè – non aumentano il rischio di dover correre in ospedale per un parto anticipato.

In realtà, sottolineano i ricercatori, i pericoli sono altri: troppa caffeina potrebbe condizionare il peso del nascituro oltre a scatenare episodi di insonnia, mal di testa e nausea nel periodo della gestazione.

La meta-analisi non può però essere considerata del tutto esaustiva poiché il campione studiato era composto quasi esclusivamente da donne caucasiche e non ha esaminato gestanti nelle quali il consumo giornaliero di caffeina supera i 400 milligrammi al giorno.

Inoltre, non sono rientrate nello studio bevande energetiche e supplementi a base di erbe, spesso arricchiti da caffeina.

Resta quindi valido il consiglio di bere tranquillamente caffè e tè durante la gravidanza, a patto però di non esagerare.

Condividi:
Giudica quest'articolo

Questo contenuto è stato aggiunto dalla nostra redazione. L'autore è citato, qualora fosse presente alla fonte, nell'articolo stesso. Leggi il disclaimer in fondo sulla destra della pagina accanto alla dicitura - Copyright Infothe 2016 - e se per qualsiasi motivo volessi chiederci la revisione dell'articolo scrivici tramite il tasto "contattaci" spiegandoci le motivazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.