a
Il Portale del Tè e degli infusi in Italia

Per un Tè Buono, Pulito e Giusto

Traduzione dall’inglese di un estratto dell’intervento di Marco Bertona durante le celebrazioni ufficiali della 2ª Giornata Mondiale del Tè nell’ambito dello “International Tea Day Initiative for Tea Industry Development” (Pechino, 21 maggio 2021)

Care amiche e amici del tè da tutto il mondo.

Mi chiamo Marco Bertona, sono il presidente dell’Associazione Italia Tè & Infusi e rappresento Slow Tea International.

Sono molto lieto di essere qui con tutti voi, per celebrare questa Seconda Giornata Mondiale del Tè.

I miei ringraziamenti vanno innanzi tutto agli organizzatori dell’evento, il Tea Industry Committee of China Association (agenzia governativa del Ministero dell’Agricoltura cinese, ndr.) e a tutti coloro che hanno lavorato per il successo di questo International Tea Day Initiative for Tea Industry Development.

In tutto il mondo sono in aumento le richieste sociali e la domanda da parte dei consumatori, di tè e prodotti agroalimentari in generale, che recano uno specifico marchio di qualità, in particolare in relazione a produzioni eco-sostenibili ed eque (fair).

Riteniamo che la sostenibilità ecologica deve essere rispettata e promossa a partire dalle pratiche agricole, dalla lavorazione, sino ad arrivare alla commercializzazione e al consumo del prodotto finito. Ogni fase della produzione e della filiera del tè, compreso il consumo, devono proteggere i nostri ecosistemi e la biodiversità e salvaguardare la salute sia dei consumatori sia dei produttori. Inoltre, anche le tecniche di coltivazione devono evitare il più possibile l’uso di prodotti chimici di sintesi.

Il tè deve essere sostenibile, certo, ma anche giusto (fair).

Con fair tea intendiamo un tè prodotto utilizzando condizioni di lavoro che rispettino le persone, i loro diritti e la loro cultura, fornendo loro un giusto compenso. Ciò può essere ottenuto lottando per economie globalmente equilibrate, praticando la solidarietà e sostenendo le differenze culturali e tradizionali. Non ultimo, anche per i consumatori il prezzo del tè deve essere equo e trasparente.

Quindi, il tè che ci amiamo, deve essere sostenibile, o PULITO come ci piace definirlo, deve essere GIUSTO, ma riteniamo che il tè debba essere anche BUONO.

Cosa intendiamo per TÈ BUONO?

Alcuni tè presentano caratteristiche specifiche che sono inerenti al luogo in cui vengono prodotti e che conferiscono a quel dato tè la propria e inequivocabile reputazione.

Questa specifica qualità è fondamentale a differenziare quel particolare tè dagli altri tè della stessa categoria, differenza che i consumatori possono percepire, indipendentemente dal fatto che il mercato sia locale, nazionale o internazionale.

Questo tipo di tè lo chiamiamo: tè legato all’origine (origin-linked tea). Un origin-linked tea, è un tè in cui le sue specifiche qualità sono essenzialmente attribuibili alla sua origine geografica, quale risultato di una combinazione di vari fattori tra cui: condizioni climatiche uniche, caratteristiche del suolo, varietà vegetali locali, know-how locale, pratiche storiche e culturali, oltre alle conoscenze tradizionali riguardanti la produzione e la lavorazione di quel particolare tipo di tè

L’interazione tra questi elementi conferiscono quelle caratteristiche specifiche che consentono di differenziare un dato tè dagli altri tè della stessa categoria.

Quindi, un Tè Buono, deve essere di qualità distintiva, dal punto di vista sensoriale, e radicato nella cultura di un territorio.

La qualità, inoltre, è definita dalle pratiche e dalle tradizioni locali. Queste qualità organolettiche, che sensi addestrati ed allenati possono riconoscere, sono il risultato delle competenze del produttore, dell’ambiente, della scelta delle materie prime e dei metodi di produzione che non ne alterano la naturalezza.

In varie parti del mondo, generazioni di persone hanno costruito la loro identità locale, con know-how, tè tipico riconosciuto e un paesaggio specifico che riflette l’interazione tra risorse naturali e sistemi di produzione.

Oggi, questo legame tra tè, ambiente e abitanti, non rappresenta solo un patrimonio da preservare, ma ha in sé anche un valore di mercato, poiché i consumatori si interessano sempre più alla qualità legata alla provenienza geografica, alle tradizioni e alla tipicità dei prodotti agroalimentari.

La promozione e la conservazione di tale qualità, basata sull’origine, può contribuire inoltre allo sviluppo rurale, alla diversità del tè e alla scelta dei consumatori.

Questo in particolare quale risultato della conservazione e della promozione delle risorse naturali, culturali e sociali locali.

Come Slow Tea vogliamo sostenere e promuovere progetti per difendere le tradizioni locali del tè, sostenere i produttori di tè su piccola scala e valorizzare le loro conoscenze tradizionali, promuovere la produzione di tè sostenibile, proteggere la biodiversità locale e promuovere tè di qualità su piccola scala.

Fonti: AssoTè & Infusi Italia

Per maggiori informazioni:

Associazione Italiana Tè & Infusi (AssoTè Infusi)

E-mail: info@assoteinfusi.it

Tel. Mobile: +39 3356611662

Condividi:
Giudica quest'articolo
Autore
Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.